#BingeWatching-Sharp Object

In queste giornate piovose dove la vita sociale ti respinge, “Serialize” è con te e ti consiglia uno sfrenato “Binge Watching”. Per questo motivo prendi il pladdino, una tazza di tè, il pc e preparati ad entrare nel mondo di “Sharp Object”.

“Sharp Object” è l’ultimo capolavoro del HBO, un piccolo gioiellino diretto da Jean-Marc Vallée, famoso per aver dato vita a “Big Little Lies”. Questa miniserie si basa sull’omonimo libro  di  Gillian Flynn.

Come in “Big Little Lies” le vicende di questa miniserie sono in mano esclusivamente a tre donne, Camille Preaker , Amma Crellin ed Adora Crellin.

Camille è una giornalista del  Chicago Post” che per colpa di due casi di infanticidio è costretta a tornare nel suo paese d’origine, “Wind Gap”. La donna si troverà ad affrontare non solo i difficili casi di cronaca nera, ma anche il suo passato e il complicato rapporto con la madre, Adora.

Infatti durante le puntate scopriamo che Camille, poco prima di ricominciare a lavorare, era stata ricoverata in una struttura psichiatrica. Infatti la donna fin da piccola era solita ad autolesionarsi, soprattutto dopo la morte della sorella minore, secondogenita di Adora, scomparsa per una malattia misteriosa.

Più si entra dentro la psicologia di Camille, più si aggiunge un pezzetto al caso. Tanto che il finale è decisamente inaspettato.

Un altro personaggio rilevante per la storia è proprio Amma Crellin, l’ultima delle tre figlie di Adora. Questo personaggio ci permette non solo di comprendere a pieno la figura di Adora, ma  anche l’influenza che può avere una madre sulla vita di una figlia.

Il cast è composto da grandi nomi del cinema tra cui:

  • Amy Adams: Camille Preaker 
  • Patricia Clarkson: Adora Crellin
  • Chris Messina: Detective Richard Willis
  • Henry Czerny: Alan Crellin

“Sharp Object” è una di quelle poche serie che ti lascia qualcosa dentro e ti interroga sulla mente umana, su quanto sia complessa, ma soprattutto su quanto sia pericolosa.

E’ una serie che vi consiglio al 100%, ovviamente per gli amanti del genere. Secondo me è anche migliore di “Big Little Lies” per alcuni punti di vista:

  • La caratterizzazione dei personaggi, qui tutti sono ben definiti, invece in “Big Little Lies”, a mio parere, si sono concentrati maggiormente sulle protagoniste.
  • La storyline di “Sharp Object” guarda il mondo esterno facendone una grossa critica e ci regala un finale dal sapore amaro, che è talmente realista da farci paura. Questo in “Big Little Lies” non accade, perchè alla fine ci hanno voluto regalare un risvolto positivo.

Ci tengo comunque a precisare che ho apprezzato moltissimo anche “Big Little Lies”, però tra le due se dovessi scegliere il migliore show sotto ogni punto di vista, per me vince a mani basse “Sharp Object”. Per questo ve la consiglio in tutto e per tutto.

Inoltre se siete dei cultori del “Binge Wantching” è uno show che riuscirete a finire in un giorno o due, visto che è composto da 8 puntate.  Per chi non ama i sottotitoli ed adora il doppiaggio, può stare tranquillo è già stata tradotta in italiano, quindi la potrete reperire facilmente.

Spero che seguirete il mio consiglio, per averne altri seguiteci su  Serialize  e dalle nostre pagine affiliate House of telefilmSerie tv news .

 

 

 

Autore dell'articolo: Vio90

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *