Arrowverse,  Recensioni

Supergirl 4×02 – Odiate meno e mangiate più pizza.

Puntata dai risvolti seri è decisamente attuali per la nostra ragazza d’acciaio, ma ripercorriamo insieme la puntata.

Alla fine della scorsa puntata, il mondo aveva scoperto che la Presidente degli Stati Uniti, Olivia Marsdin, altri non è che un’aliena, gomblotto direte voi, io dico che se fosse arrivata dopo Trump forse non ci sarebbe stato tanto scandalo, anzi l’avrebbero accolta a braccia aperte.
Invece nella nostra versione televisiva, il popolo reagisce alla Trump cercando di rimandare gli alieni a casa e i sostenitori della loro permanenza sulla Terra invece, vengono definiti traditori dell’America.

Odio e intolleranza si riversano nelle strade e colpiscono anche qualcuno che conosciamo, Brainy.
Dopo una scena adorabile con Alex, in cui interpreta il suo sarcasmo come un calo della glicemia decide che la cura di ogni male è la pizza.
Bravo Brainy, hai capito tutto. La pizza sta bene ovunque e comunque.
Magari non mele e olive però, su quello dobbiamo lavorare.

La pizza salverà il mondo.

E mentre ordina pizza per un reggimento, quella malefica antipatica e smorfiosa di Mercy sta hackerando alla L-Corp gli aggeggini che gli alieni usano per modificare i loro aspetto e apparire umani…cosa che colpisce il dispositivo di Brainy, rivelando al suo amico pizzaiolo Massimo che in realtà è il fratello maggiore di Grande Puffo.

L’uomo, come quasi chiunque al momento, reagisce piuttosto male e chiama rinforzi, che si manifestano con una mazza da baseball piuttosto grande e vicina al suo viso.
A tutto ciò assiste anche Nia, che dopo essersi addormentata sulla tastiera (e beccata da James) va in cerca di un caffè, coincidenza nello pizzeria di Brainy…d’altronde chi non entra in pizzeria per un caffè?

Nia praticamente si mette tra Brainy e il suo assalitore, accusando il pizzaiolo di essere il vero traditore e non l’alieno. Un gesto davvero coraggioso.

I due escono dalla pizzeria e sembrano flirtare un tantino, ammesso e concesso che Brainy sappia flirtare, con Nia che lo lascia solo con il nome e l’invito a cercarla se davvero interessato!
Go girl!

Tornata in ufficio, la ragazza spiega ciò che ha appena vissuto a James, invitandolo a prendere nuovamente una posizione, tramite la rivista, per quello che sta succedendo…e spiegandogli come per lei sia una situazione tristemente familiare visto che ha vissuto qualcosa di simile sulla sua pelle essendo lei una transgender.
Ma James pur apprezzando le sue parole e la sua sincerità non è d’accordo sul prendere una posizione…lascia stare Nia, quello deve farsi convinto da solo o non capisce niente.

Tutto questo casino nasce, come detto poco fa, da Mercy Graves.
Ho una domanda: perché questa fa tutte queste smorfie quando parla, sembra sempre pronta ad una sfilata di moda e sculetta come fosse alla New York Fashion Week?
Non capisco se è l’attrice (leggermente pessima) o se vogliono il personaggio proprio così, ma alla fine risulta davvero ridicola.
Torniamo a noi.


La donna si è introdotta alla L-Corp e ha ucciso (?) comunque messo fuori gioco un lavoratore, sottraendogli il laptop e scombinando i dispositivi degli alieni…ma la cosa divertente di tutto ciò è la presenza di Kara nell’edificio.
E badate ho detto Kara, non Supergirl.
Ammetto che la scena è stata piuttosto esilarante.

Kara era da Lena per trovare informazioni proprio su Mercy, ex collaboratrice di Lex e amica (una pseudo zia) della stessa Lena.
Il problema è che con l’irruzione, l’edificio si sigilla, nessuno entra e nessuno esce…cosa che mette Kara nei guai visto che non può cambiarsi d’abito perché Lena non perde d’occhio ne lei e ne Eve (ciao Eve, è sempre bello vederti). Di fatti è l’unico personaggio (in ogni serie tv mai vista nella mia vita) che ha capito che nelle emergenze non ci si divide, si resta uniti.

Certo non è il massimo per Kara, ma se la cava comunque per il rotto della cuffia, lei è le sue faccine adorabili.
Alla fine però riescono a separarsi e Supergirl arresta Mercy salvando (e l’ha capito anche lei, oggi era davvero ispirata) anche Lena.

Tutto è bene ciò che sembra finire bene. I fratelli Graves sono in custodia al DEO, Supergirl parla all’America invitando le persone ad essere gentili e tolleranti con gli alieni visto che nessuno dovrebbe essere giudicato per dove è nato, non è quel dettaglio a definirlo e annuncia pubblicamente il suo appoggio al nuovo Presidente.


Sembra andare tutto bene…troppo bene.
Quando però Alex chiede il rapporto all’agente Jensen (e in un attimo Dean Winchester dove sei) senza aver risposta, capisce che qualcosa non va…e quando controllano i Graves si accorgono che si tratta di un immagine in loop, ovvero a ripetizione, sono fuggiti.
Anzi, sono stati fatti fuggire.
Si perché Jensen, dopo una deliziosa conversazione con Mercy Graves, quando ha intuito che Brainy è un alieno, gli è partita una rabbia che a momenti diventava verde alla Hulk. Così li ha fatti scappare…un genio proprio.

Nel frattempo J’onn, che vaga per trovare un suo posto nel mondo, indaga (perché le vecchie abitudini sono dure a morire) sulla scomparsa di Fiona, sua amica e aliena di cui non si hanno più notizie…cosa che lo porta a scoprire i deliri del Captain America dei poveracci, ovvero Agent Liberty, che spinge le persone a credere che ogni problema delle loro vite sia collegato agli alieni.

 

Ovviamente scemo è più scemo, con l’aggiunta di ancora più scemo (Mercy, Otis e Jensen se non fosse chiaro) hanno tra le mani un dispositivo creato da Lex Luthor per diffondere la kriptonite nell’atmosfera e renderla inospitale per i kryptoniani, dispositivo che conosciamo e che è servito per cacciare i Daxamiti alla fine della seconda stagione. I tre gongolano nel mettere della kriptonito al suo interno e attivarlo.

Proprio mentre Kara è in volo.
Prendete la mia bambinaaaaaaaaaaaa


Salvatelaaaaaaaaaaaa
Qualcuno se ne accorgaaaaaaaaaa

Cosa succederà adesso? Chi salverà Kara? L’aria sarà tossica per quanto? Dovrà lasciare la Terra? L’ultima opzione mi sembra al quanto improbabile, ma sicuramente è una situazione complessa.

– PROMOSSO: direi davvero tutti. Alex, Brainy, Nia, James, J’onn, perfino Lena e Kara ovviamente, tutti hanno in qualche modo affrontato la situazione spinosa e complicata che si è creata e l’hanno fatto nel modo migliore.
– BOCCIATO: il trio degli orrori of course, più l’agente disertore. Dovete morire male, punto.

VOTO PUNTATA: 7. Nonostante la trama corra neanche avesse un velocista alle calcagna, questa puntata mi è piaciuta di più rispetto alla premiere, in più il riferimento alle storie del passato è un balsamo leggero per il mio cuoricino malandato, significa che ancora non hanno buttato tutto nel dimenticatoio. Spero continuino così.

Adesso vi lascio con il promo della terza puntata e vi invito a continuare a seguirci su ¡Serialize e passare dalle nostre pagine affiliate di Arrowverse Italia, Addicted to telefilm., Fantasy is my Hope, The Kingdom Of Fandom, Serie Tv News, La tana del Nerd Official e i gruppi di Arrow * The Flash * Legends of Tomorrow * Supergirl, Passione per la DC COMICS (fumetti,serie:flash,arrow,supergirl,cartoni ecc)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *